MARMOMACC 2015 Pompei progetto di Armando Albeldas e Samuele Santarelli

30 settembre 2015

MARMOMACC 2015 Pompei progetto di Armando Albeldas e Samuele Santarelli

Alla metà del XVIII secolo gli scavi archeologici ad Ercolano e a Pompei, così come gli studi archeologici del Winckelmann, produssero una vasta diffusione di stampe riproducesti monumenti, sculture e pitture ritrovate nei siti delle antiche città vesuviane distrutte dalla tremenda eruzione del 79 d.C.

Ciò contribuì al diffondersi di un particolare gusto per l’antichità che influenzò l’arte, la letteratura, l’architettura e persino la moda in tutta Europa.

Suggestioni che soprattutto in ambito artistico non rimasero circoscritte al periodo fra Sette e Ottocento, ma in varia misura perdurarono anche successivamente.

“Abbiamo voluto ricollegarci a quel filone artistico per dimostrare come la riscoperta del classico unita alla maestria artigiana e alla tecnologia contemporanea possa portare ad una rivisitazione elegante di forme e colori che restino sobrie e senza tempo”.
Armando Albeldas e Samuele Santarelli

30.09/03.10.2015
Hall 6 Stand D3